Mappe e recapiti | Lavora con noi

Quali sono i cocktail natalizi?

Quali sono i cocktail natalizi?

Se su una spiaggia tropicale d’estate ci piace gustare un drink fruttato con tanto di ombrellino, allora a Natale ci vuole un cocktail a tema, non ti pare? Scopriamo quali sono i cocktail natalizi più adatti al periodo delle feste di fine anno.

Il drink natalizio per eccellenza si chiama Brandy Egg Nog. Si tratta di un cocktail che appartiene alla tradizione americana. Negli Stati Uniti si beve proprio durante le feste, a cominciare dal Ringraziamento per arrivare al Natale. Appartiene alla categoria dei flip, i drink preparati con distillato, uovo e zucchero.

Si dice che i primi Egg Nog, essenzialmente bevande a base di zabaione, risalgano addirittura al Medioevo. Il cocktail moderno ne è una versione rinforzata e alcolica che ritempra gli animi durante il freddo periodo invernale.

La prima ricetta scritta risale al 1862 ad opera di Jerry Thomas che la pubblicò nel suo celebre libro sui cocktail. Oggi esistono molte varianti del Brandy Egg Nog ma la ricetta originale prevede 4 cl di brandy, 5 cl di latte, 1 cl di sciroppo di zucchero, 1 tuorlo d’uovo e una spolverata di noce moscata o di cannella.

Preparalo mettendo in uno shaker un cubetto di ghiaccio e tutti gli altri ingredienti. Agita vigorosamente e versa in un bicchiere highball pieno di ghiaccio, filtrando. Completa con una spolverata di noce moscata o di cannella che funge anche da decorazione.

Nelle sue molte varianti il drink può essere preparato anche usando vino passito, rum, whisky, marsala, sherry. Per un risultato più vellutato puoi sperimentare sostituendo metà del latte con panna fresca o aggiungendo un ciuffo di panna montata in cima al bicchiere.

Tutti i drink della categoria Egg Nog, per il carattere che li contraddistingue, possono dunque considerarsi a buon diritto perfetti cocktail natalizi adatti ad essere sorseggiati nelle fredde serate invernali con la loro confortante consistenza ricca e cremosa. Non resta che provare la ricetta e gustarla fino in fondo.

Leave a Comment