Mappe e recapiti | Lavora con noi

Quali sono gli ingredienti ‘corretti’ del negroni ‘sbagliato’?

Quali sono gli ingredienti ‘corretti’ del negroni ‘sbagliato’?

Il nome può indurre in errore ma siamo qui per aiutarti a spazzare via ogni dubbio: quali sono gli ingredienti “corretti” del Negroni “sbagliato”? Sì, perché il Negroni è uno dei cocktail più famosi che si è prestato nel tempo a diverse variazioni e la più famosa è senza dubbio quella del Negroni Sbagliato, a volte addirittura più richiesto della versione originale.

Il suo nome deriva dal fatto che è nato per errore secondo quanto racconta la leggenda che nel tempo si è fatta storia. La sua origine affonda le radici negli anni Sessanta e precisamente dietro il bancone del Bar Basso di Milano dove il barman Mirko Stocchetto lo preparò per la prima volta sostituendo il gin con il prosecco. Aveva scambiato per sbaglio le bottiglie. Il successo fu immediato e perdura ancora oggi.

Grazie alla presenza dello spumante brut questo cocktail è più leggero della sua variante originale e si avvicina allo Spritz, benché abbia un sapore più amaro. È perfetto come aperitivo ed è noto, per la sua composizione, anche come Americano Sbagliato. Di fatto è una versione alleggerita e meno alcolica del Negroni e da ciò è derivato anche il suo grande successo.

Gli ingredienti del Negroni Sbagliato sono solo tre: prosecco, bitter Campari e un vermouth rosso che sostituisce il gin. Se invece al posto del gin usi la vodka ottieni un’altra variante del cocktail noto come Negrosky. Qualcuno decide inoltre di aggiungere alla ricetta originale anche poche gocce di Angostura che danno all’insieme un gusto più deciso.

Le varianti dunque possono essere tante ma la versione originaria del Negroni Sbagliato si prepara così. Metti in un tumbler medio 4 cubetti di ghiaccio e aggiungi 3 cl di prosecco, 3 cl di bitter, 3 cl di vermouth rosso dolce. Puoi misurare le quantità o procedere a occhio visto che si tratta di parti uguali. Guarnisci con una fetta di arancia da mettere direttamente dentro il bicchiere o da sistemare sul bordo.

Leave a Comment